© puntOrtona

Il blog di Ortona: gratuito e libero come te

24/08/19

L'Educazione Civica segna il passo, entra in vigore nel 2020.Pasticcio italiano.


La crisi di Governo blocca i decreti attuativi.

Nulla di fatto: la legge approvata lo scorso primo agosto - quella che prevedeva il ritorno dell'educazione civica a scuola (con uno spazio importante anche per l'educazione stradale e con obbligo di 33 ore annuali e voto in pagella) non vedrà la luce in tempo per il prossimo anno scolastico. Tutto rimandato quindi al 2021.

La denuncia arriva dall'Asaps, associazione amici polizia stradale, perchè, come già annunciato da qualche addetto ai lavori, per attuare già quest'anno nei programmi scolastici il percorso di educazione civica, era necessario che la legge fosse pubblicata in Gazzetta Ufficiale entro il 16 agosto. Ciò non è avvenuto

Uno smacco perché l'educazione stradale dovrebbe avere spazio a scuola dal 1992 - anno di approvazione del Codice della Strada vigente - come indicato dall'art. 230. "Una norma - spiega però Luigi Altamura, capo della polizia municipale di Verona e rappresentante delle polizie municipali all'Anci - mai attuata pienamente. Dovevano essere predisposti appositi programmi da parte del Ministero dell'Istruzione, di concerto con il Ministero de Trasporti, dell'Interno, dell'Ambiente. Quel codice del 1992 era talmente avanti rispetto alle criticità e alle cause di sinistro stradale che - sempre nel medesimo articolo - ricordava come fosse fondamentale far conoscere le regole di comportamento degli utenti, con particolare riferimento all'informazione sui rischi conseguenti all'assunzione di sostanze psicotrope, stupefacenti e di bevande alcoliche".

E invece niente, quel decreto non è mai stato pubblicato. I programmi nelle scuole non sono stati mai adottati formalmente e così le Polizie Municipali, che dovevano essere di ausilio agli insegnanti, hanno iniziato l'attività in numerosi comuni italiani dei percorsi di studio, fuori dall'orario obbligatorio, senza un voto e senza un riconoscimento formale, grazie a dirigenti scolastici e docenti sensibili all'argomento.
Aspettando l'insediamento del Governo che verrà.
Il solito caos all'italiana.




 
La tua Pubblicità con puntOrtona
La tua pubblicità con puntOrtona