© puntOrtona

Il blog di Ortona: gratuito e libero come te
La tua pubblicità con puntOrtona

22/08/22

La Capitaneria di Porto di Ortona attiva il Piano Antiquinamento.

Operazione antinquinamento marino della Guardia Costiera di Ortona. Sono ancora tutte da chiarire le cause che hanno portato all’arenamento della barca di 11 metri sulla spiaggia di Francavilla al Mare, all’altezza degli stabilimenti balneari “Mambo” e “Lido Peppone”, nella notte tra il 18 e 19 agosto scorso, subito dopo lo spettacolo pirotecnico in onore della festività di S. Franco. Ad oggi le attenzioni si sono concentrate sulla necessità di evitare qualsiasi forma di inquinamento marino e rimuovere ogni tipo di pericolo per i bagnanti. La Capitaneria di Porto di Ortona, intanto, come previsto in situazioni simili, ha prontamente attivato il Piano Antinquinamento Locale, che prevede tutta una serie di adempimenti a carico del responsabile del potenziale evento dannoso per l’ambiente affinché venga rimosso con urgenza ogni pericolo. Il proprietario dell’imbarcazione, quindi, è stato immediatamente diffidato dalla Capitaneria di Porto a rimuovere in piena sicurezza l’imbarcazione, ai sensi della Legge sulla “Tutela del Mare”, la L. 979 dell’82, adoperandosi altresì affinché venisse evitata ogni forma di sversamento in mare degli idrocarburi presenti a bordo (in particolare olio motore e gasolio). Parallelamente, considerata la vigenza della stagione balneare è stata anche emanata un’ordinanza, sempre della Capitaneria di Porto, di divieto di balneazione nell’area adiacente l’unità, al fine di creare una cornice di sicurezza vicino allo scafo arenato. Ad oggi risulta che il proprietario dell’imbarcazione, cui compete il rapido ripristino delle condizioni di sicurezza e di fruibilità del tratto di mare interessato, in attuazione alla diffida ricevuta dall’Autorità Marittima, ha dato incarico ad una società specializzata in interventi antinquinamento in mare, la quale ha escluso ogni forma di inquinamento in atto. Contestualmente è stata individuata una ditta che da terra, tramite una gru, considerata l’impossibilità di procedere via mare, è riuscita a mettere in sicurezza, sulla spiaggia, l’unità, in modo tale da evitare che la stessa potesse essere fonte di ulteriori rischi per i bagnanti e per l’ambiente a seguito di possibili spostamenti per via del moto ondoso. Della vicenda è stato immediatamente informato il Comune di Francavilla, ai fini della successiva emanazione di utile provvedimento di interdizione dello spazio a terra interessato, a tutela dei bagnanti, nonché del rilascio delle previste autorizzazioni per l’accesso in spiaggia dei mezzi pesanti per la rimozione dello scafo. Per quanto riguarda le possibili cause di quanto accaduto sarà la Capitaneria di Porto di Ortona a dover acquisire le fonti di prova per capire se si è trattato di un incidente o se il conduttore dell’imbarcazione, abbia disatteso alcune delle rigide e precise regole.
La tua Pubblicità con puntOrtona
La tua pubblicità con puntOrtona